Smart working? Sì, grazie.

Smart working? Sì, grazie - RistrutturABILMENTE

È doveroso, innanzitutto, definire cos’è lo smart working e come si struttura questo nuovo rapporto lavorativo – anche se non è del tutto nuovo e mai visto prima, dato  che è già presente in Italia da qualche anno per pochi specifici settori e largamente diffuso nel resto del mondo per diverse multinazionali. 

Il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali definisce lo smart working “una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.” Secondo quanto riportato nella Legge n. 81/2017, la definizione di smart working pone l’accento sulla flessibilità organizzativa e sulla rimodulazione di spazi e orari, ormai non più così statici come nel lavoro in presenza.

Già nel 2015, l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano lo definiva: “una nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati”. 

Ecco che viene a crearsi un nuovo approccio lavorativo e collaborativo all’interno dell’azienda, diverso da quello tradizionale a cui siamo (o eravamo?) abituati; questo comporta la revisione della cultura organizzativa tra le varie mansioni aziendali, la flessibilità rispetto a orari e luoghi di lavoro, la dotazione degli strumenti necessari (pc, tablet, documenti, ecc.) e la struttura di una nuova cultura del lavoro digitale.

Un altro aspetto da non sottovalutare è il recupero della propria quotidianità e dei propri spazi personali e domestici, un tempo fissati all’interno di precisi momenti della giornata. Questa nuova flessibilità lavorativa porta indubbiamente a riconcepire tutto ciò e a trovare un nuovo equilibrio tra vita professionale e privata. 

UNA NUOVA GESTIONE DEGLI SPAZI

Una delle regole dello smart working, oltre alla responsabilizzazione dei dipendenti e alla collaborazione a distanza, è sicuramente la tutela della propria privacy. Il tema non affronta solamente la gestione e la protezione dei dati personali online, ma anche gli spazi e i “cameo” familiari che rientrano nell’inquadratura durante i meeting di lavoro. Non solo: avere attorno a sé un ambiente dall’arredo semplice, ordinato e dai colori neutri permette al lavoratore di confinare e separare lo spazio professionale da quello privato. Dal punto di vista comunicativo, inoltre, disporre di uno sfondo il più possibile semplice e neutrale durante un meeting aiuta l’interlocutore a concentrarsi meglio e a non farsi distrarre da oggetti, rumori o colori – apparendo così più interessanti e accattivanti agli occhi di colleghi e clienti. Ecco che, nell’epoca dell’immagine, l’ambiente che ci circonda diventa una sorta di biglietto da visita, una caratteristica estesa del nostro essere e ne determina la percezione che gli altri hanno di noi. 

Estetica e comunicazione sono certamente importanti, anche se messe in secondo piano rispetto alla funzionalità: l’organizzazione degli spazi domestici, che devono essere ripensati e sempre più ispirati ai principi di flessibilità, virtualizzazione e collaborazione tra le persone, viene quindi assoggettata a regole e principi di architettura e interior design. Basti pensare agli open space o agli spazi coworking che favoriscono il lavoro collaborativo, la flessibilità e la condivisione di spazi, l’esigenza di contaminazione e la nascita di ambienti ibridi in cui incontrarsi e lavorare allo stesso tempo. 

 

PROGETTO RISTRUTTURABILMENTE CONSIGLIA

Spesso gli spazi per lavorare da casa sono improvvisati, scomodi, poco funzionali e vicini a fonti di distrazione. Ci ritroviamo a lavorare sul divano o in poltrona appoggiando il pc a un tavolino, con conseguenti dolori alla schiena e alla cervicale nel giro di poche ore; oppure al tavolo della cucina dove contemporaneamente i figli fanno i compiti o qualcuno prepara la cena.
Per questo è importante ritagliarsi un angolo della casa funzionale alla propria attività, lontano da tutte le distrazioni familiari e in perfetta armonia con l’arredo già esistente, senza stravolgere completamente la casa. 

Ecco 5 consigli di Progetto RistrutturABILMENTE per realizzare il vostro ufficio tra le mura domestiche:

1 – La posizione: assicurati di posizionare una bella scrivania in un angolo della casa tranquillo e poco frequentato per evitare suoni e rumori di disturbo o distrazione. Meglio se vicino a un muro dai toni neutri o pastellati e con un arredo semplice e dalle linee regolari sullo sfondo, per esempio una parete con qualche quadro o poster oppure una libreria ordinata e minimalista.

 

2 – La luce: l’ideale sarebbe designare la propria postazione lateralmente a una finestra per evitare l’effetto controluce durante le riunioni virtuali e l’affaticamento degli occhi dovuto alla forte riflessione della luce frontale. L’illuminazione naturale e diffusa è sicuramente la miglior soluzione, anche se non sempre attuabile: in caso di poche finestre disponibili, di pioggia o di orari serali consigliamo una lampada a soffitto che illumini uniformemente lo spazio circostante, magari aggiungendo anche una lampada da tavolo indirizzata sulla parete o sul tavolo per ottenere una maggior diffusione luminosa.


3 – La scrivania: le dimensioni consigliate sono di almeno 120/150 cm di lunghezza e 80 cm di profondità, in modo da avere abbastanza spazio per posizionare un laptop, un tablet e alcuni documenti. In caso di spazi ridotti, sconsigliamo una forma ovale o rotonda: optare per una classica forma rettangolare con cassetti è l’ideale per tenere ordinati faldoni e cartelle, oltre che per sistemare una stampante senza occupare ulteriore spazio sul piano di lavoro. Se l’obiettivo è sfruttare al massimo lo spazio a disposizione, questa soluzione permette di mantenere ordinata la propria postazione senza creare ingombri eccessivi.

 

4 – La sedia: scegliere una buona sedia ergonomica è fondamentale per chi lavora in smart working. Se non sono presenti tappeti o pavimenti pregiati, consigliamo una sedia su ruote, regolabile in altezza e con lo schienale abbastanza alto per sorreggere la zona lombare e mantenere una postura corretta. Oggigiorno si trovano in commercio molte sedie da ufficio in grado di combinare design, estetica e caratteristiche tecniche: questo faciliterà l’acquisto di un oggetto fondamentale per il lavoro che sia al tempo stesso funzionale e in armonia con l’arredamento del contesto abitativo.


5 – L’estetica e il colore: non sottovalutate la parte emozionale dello spazio! Gli interni della stanza devono trasmettere energia positiva, calma e concentrazione. Per quanto riguarda il colore, generalmente consigliamo una palette neutra o bianca (esistono tantissime sfumature di bianco!) o ancora dalle tonalità pastello in grado di comunicare un’attitudine ferma e rilassata alla giornata lavorativa. Come già anticipato, colori troppo accesi (soprattutto sullo sfondo) e vividi contrasti potrebbero generare fastidi e distrazioni, sia per il lavoratore sia per gli interlocutori durante un meeting. Se però siete amanti del colore e volete che il vostro spazio rifletta la vostra vena artistica, vi consigliamo di rivolgervi a professionisti di interior e colour design per abbinare al meglio anche le tonalità più forti: i nostri esperti sapranno anche consigliarvi i migliori prodotti di arredo adatti al vostro gusto e stile.


SERVIZI DI PROGETTO RISTRUTTURABILMENTE

Per la rivisitazione e la riprogettazione degli spazi in funzione di un nuovo assetto organizzativo professionale, Progetto RistrutturABILMENTE offre numerosi servizi per rispondere ad ogni esigenza del Cliente. Anche online

Per qualsiasi informazione, compila il form in fondo alla pagina e verrai ricontattato il prima possibile.

LA NOSTRA REALTÀ SMART

In termini di produttività, raggiungimento degli obiettivi, responsabilità e fiducia reciproca, Progetto RistrutturABILMENTE è un forte sostenitore dello smart working e della sua struttura così flessibile e dinamica. Oltre a migliorare la qualità della vita dei lavoratori, crediamo che questo nuovo approccio lavorativo non possa essere ridotto al semplice “lavorare da casa“. La nostra esperienza di team giovane, digitale e dinamico, ci ha dimostrato come questo sia invece un nuovo modo di formare professionisti più consapevoli e organizzati, appassionati del proprio lavoro e soddisfatti degli obiettivi raggiunti. 

Per questi motivi, siamo sempre alla ricerca di nuove figure professionali da inserire all’interno del nostro network esteso in tutta Italia.
Vuoi conoscere il nostro team o farne parte? Clicca qui per saperne di più.

CATEGORIES:



Contatto per articoli form
error: